Aspects de l’opéra français de Meyerbeer à Honegger

Books Scientific publications
Jean-Christophe Branger, Vincent Giroud
Bizet, Georges
Bruneau, Alfred
Debussy, Claude
Hahn, Reynaldo
Massenet, Jules
Meyerbeer, Giacomo
Ravel, Maurice
Symétrie

Paperback | 17 x 24 cm | 32 € | 248 pages | ISBN 978-2-914373-46-3

Sorry, this entry is only available in Italian and French. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.

Questo volume raccoglie gli atti un convegno sull’opera francese tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, svoltosi all’Università di Yale nella primavera del 2004. Vengono presi in esame Meyerbeer, Gounod, Bizet, Massenet, Bruneau, Hahn, Debussy, Ravel e Honegger ma anche – a guisa d’introduzione – il tema generale del neoclassicismo che nel periodo considerato pervade certe opere di Gounod, Massenet o anche Hahn, ben prima della successiva corrente neoclassica illustrata da Stravinskij e Djagilev. Gli approcci proposti sono di natura assai varia e attestano, in un certo senso, la diversità generica dell’opera francese: studio genetico (Carmen, Hérodiade e La Chute de la maison Usher), presentazione di opere dimenticate (La Carmélite), studio della ricezione di un’opera (L’Africaine), relazione tra compositore e cantante (Georges Bizet e Célestine Galli-Marié; Alfred Bruneau e Marie Delna), analisi tematica e musicale (L’Heure espagnole), oppure anche lettura socio-storica (Antigone).

Jean-Christophe Branger Docente abilitato e dottore in musicologia, Jean-Christophe Branger è professore associato presso il dipartimento di musicologia dell’Università di Saint-Étienne. I suoi lavori vertono sull’opera francese durante la Terza Repubblica e, più specificamente, sull’opera di Jules Massenet. Vincent Giroud Ex allievo dell’École normale supérieure, diplomato a Oxford e dottore in letteratura comparata, Vincent Giroud è docente all’Università di Franca Contea e ha insegnato in particolare all’Università di Yale, dove ha esercitato anche le funzioni di conservatore dei libri e manoscritti moderni alla Beinecke Library.