Gustave Charpentier et son temps

Testi scientifici
Michela Niccolai, Jean-Christophe Branger
Catherine Massip, Gérard Condé
Gustave Charpentier
300 pagine
francese
978-2-86272-642-7

Il presente volume raccoglie otto contributi di musicologi, incentrati sulla personalità e l’opera di Gustave Charpentier (1860-1956), ancora troppo spesso associato a un unico lavoro, Louise, opera rappresentata con successo all’Opéra-Comique nel 1900. Preceduti da una prefazione di Catherine Massip, direttrice onoraria del dipartimento della Musica (Bibliothèque nationale de France), e da una premessa del compositore Gérard Condé, questi contributi sono redatti secondo prospettive originali in quanto, oltre a Louise, studiano opere meno note del compositore – la cantata Didon, i due envois de Rome, le mélodies –, ma anche le sue relazioni con altre personalità emblematiche della musica francese (Berlioz) o con i contemporanei (Massenet, Debussy, Hahn e Bruneau) nonché la funzione sociale del suo pensiero creativo musicale. Il ritratto delineato è così quello di un compositore che, per riprendere le sue stesse parole, ha dedicato l’esistenza all’“Arte della Bellezza”.

Michela Niccolai Michela Niccolai, musicologa, ha terminato un contratto post-dottorato all’Université de Montréal (OICRM) con un progetto sugli scritti musicali e sociali di Gustave Charpentier (Vrin, MusicologieS). Ha sostenuto una tesi di dottorato consacrata a questo compositore all’Université Jean Monnet di Saint-Étienne (Francia) in cotutela con la Facoltà di Musicologia dell’Università di Pavia, pubblicata recentemente: La Dramaturgie de Gustave Charpentier, Turnhout, Brepols, 2011 (Speculum Musicae, 17). Sta preparando l’edizione critica delle Mémoires di Charpentier (Symétrie – Palazzetto Bru Zane) e alcune opere collettive: Verdi Reception, con Lorenzo Frassà (Brepols), Beyond the Stage: Musical Theatre and Performing Arts between «fin de siècle» and the «années folles», con Giuseppe Montemagno (Ut Orpheus Edizioni), Orchestral Conducting in the Nineteenth Century, con Roberto Illiano (Ut Orpheus Edizioni), e Gustave Charpentier et son temps, con Jean-Cristophe Branger, (PUSE). Autore di numerosi articoli sull’opera in Francia e in Italia alla fine del XIX secolo, ha fondato, con Rémy Campos e Pierre Sérié, il cantiere tematico di ricerca «Les mises en scène lyriques à Paris (1830-1930)» presso il Palazzetto Bru Zane – Centre de musique romantique française. Jean-Christophe Branger Jean-Christophe Branger, docente abilitato e dottore in musicologia, è professore a contratto presso il dipartimento di musicologia dell’università di Saint-Étienne. I suoi lavori vertono sull’opera francese durante la Terza Repubblica e, più in particolare, sull’opera di Jules Massenet.

Bru Zane Mediabase
Risorse digitali sulla musica romantica francese
Gustave Charpentier